Personale di Pittura “Percorsi Mistici”

Dal 29 luglio al 04 agosto 2013 si terrà al Palazzo della Cultura (Cortile Platamone), sito a Catania in via V. Emanuele 121, la mia Mostra Personale di Pittura intitolata “Percorsi Mistici”.

L’Associazione Cultural-Artistica “Gli Arcaici” presenta un evento per me importante, poiché mi da la possibilità di mettere in mostra i miei lavori pittorici al pubblico catanese.

In “Percorsi Mistici” presento opere appartenenti a momenti e fasi diverse della mia carriera d’artista, che rimangono legate da un unico filo conduttore: il misticismo, che tende all’unione con l’assoluto senza l’annullamento del proprio “vissuto”; si esprime sotto forma di colori e di immagini, nel variegato mondo di un’anima assorta nell’amore “inviolabile e inviolato”, per un Divino divenire.

Vi aspetto numerosi…  Buona visione!

Materiale per la stampa:

 

I volti contemporanei di Sant’Agata

Il Marchio REBA apre i portoni di Palazzo Tezzano-Piazza Stesicoro 29- e presenta la mostra con il tema: ESTROVERSO CON TENDENZE MANIACALI e I VOLTI CONTEMPORANEI DI SANT’AGATA.

Gli aritisti espositivi protagonisti del nostro terzo Vernissage,tra pittura,fotografia e scultura, saranno:

  • Caterina Aidala
  • Antonello Agli
  • Deborah Dinaiuta
  • Francesco Messina
  • Leandro Russo
  • Adele Statello
  • Filippo Monaco
  • Fabio Crisafulli
  • Giovanna Coco
  • Desirè Granata
  • Cristina La Rocca
  • Giuseppe Mario Frezza
  • Cristina Agolino
  • Barbara Ruggieri
  • Stefania Corallo
  • Donatella Modugno
  • Rachele Ascanio

Il vernissage di apertura sarà giorno 29 dalle ore 18,15 alle 24,00,e la mostra resterà aperta, con ingresso libero a tutti, fino a giorno 13 febbraio.
Reba è aperto tutti i giorni dalle 18,00 alle 21,00 e rimane chiuso il lunedì.
Vi aspettiamo!

IO SCATOLA

Dopo la splendida esperienza nella meravigliosa città di Siracusa, a Catania si terrà il 29/11/2009 alle 18,30 il primo Vernissage di REBA, in collaborazione con il gruppo ALDINI, presso IL GRATTACIELO, LARGO PAISIELLO, via Cimarosa 12, adiacente alla VILLA BELLINI. ReBa propone una scatola virtuale itinerante, con dentro artisti di diverso genere e stile. Verrà aperta, nelle sue diverse tappe, per mostrare ai fruitori l’arte moderna con i suoi nuovi e “interessanti messaggi”.
-Rachele Ascanio, Dario Insabella, Patrizia Le Pira, Giovanna Coco, Giovanna Bellanca, Omar Jaramillo, Fabio Crisafulli, Desirè Orto, Deborah Dimaiuta, Nunzio Raciti, Francesco Messina, Federica Pulvirenti, Adele Statello, Leandro Russo, Alessandra Di Martino, sono i protagonisti della mostra dal titolo “IO SCATOLA”.

Il marchio «ReBa» seleziona artisti da tutto il mondo con l’obiettivo di promuovere l’arte, in tutte le sue espressioni, garantendo visibilità agli artisti e creando occasioni di incontro e dibattito culturale. «ReBa» nasce da una profonda passione per l’arte e per le sue suggestioni simboliche, culturali ed emotive. Il suo simbolo è il pesce la cui sagoma stilizzata è stata intagliata su di un vecchio pannello di legno, usurato dal tempo, opera dell’artista Renato Basile, che è anche l’anima creatrice di «ReBa».
TI ASPETTO!

Open Art Aurum – Esposizione ed Asta

EVENTO NOVITA’ A TAORMINA: ARTISTI IN CERCA DI MERCATO

Aurum casa d’aste e tèa galleria d’arte presentano: open art aurum, primo appuntamento in Italia.
Asta d’arte contemporanea riservata esclusivamente agli artisti in cerca di mercato.

 

 

Esposizione
tèa galleria d’arte
Via Giovanni Di Giovanni, 36
Taormina (ME)
4, 5 e 6 Giugno 2008
dalle ore 10,00 alle ore 21,00

Asta
Excelsior Palace Hotel
Via Toselli, 8
Taormina (ME)
7 Giugno 2008
ore 21,00

Finalmente una porta aperta agli Artisti in cerca di mercato.

La nostra iniziativa, denominata open art aurum, che vede il prezioso contributo della galleria d’arte “tèa” di Taormina, ha l’ambizione di proporsi come apripista nel complesso mondo dell’arte contemporanea in Italia. Ai fini della sua completa diffusione, riteniamo, infatti, che la promozione, basata solo sull’esposizione delle opere e sull’attenta analisi e critica di esse, come spesso accade, non è sufficiente a garantire la crescita di un artista. Quest’ultima si completa mirando ad iniziative finalizzate ad azioni di vendita, il cui mercato è oggi monopolio di pochi operatori del settore. In poche parole l’artista ha bisogno anche di sostentamento economico. Con la nostra iniziativa, egli avrà una vetrina di vendita ed un palcoscenico di esibizione, spazio per la propria creatività, senza subire giudizi e preconcetti selettivi, che, invece, rimangono esclusivamente appannaggio del pubblico, unico critico d’arte, che esprime il proprio consenso attraverso l’acquisto dell’opera. Non gli sarà necessario affrontare investimenti impegnativi nel momento in cui non ha ancora acquisito visibilità sui mercati. Aiutare un artista in cerca di affermazione è un dovere, che tutte le case d’asta, le gallerie ed i mercanti dovrebbero assolvere, senza praticare la via, senz’altro più facile e redditizia, della sponsorizzazione di quello già affermato. Dedicarsi alla scoperta di talenti potrebbe essere portatore di gratificazioni diverse da quelle economiche, che al mondo d’oggi si sono inesorabilmente perse di vista, sacrificate alla logica del denaro facile. Cercare l’anonima qualità presuppone capacità ed intuito, che, anche se non esistono, possono essere facilmente surrogati da costose operazioni di marketing.

L’immagine degli artisti di talento che chiudono cavalletto e tubetti è quella che noi vogliamo scongiurare. Nasce così l’idea di coinvolgere la sobria ed elegante Taormina, vetrina internazionale vista e visitata da migliaia di persone provenienti da tutte le parti del mondo, in un evento senza precedenti in Italia. La giusta ricompensa per le decine d’artisti provenienti da tutta Italia e dall’estero.

Le nostre aste d’arte contemporanea, che anche in un prossimo futuro riserveremo agli artisti in cerca di mercato, rappresentano una proposta seria ed interessante, che privilegia la libertà degli acquirenti di poter scegliere le opere tra stili, tecniche e tematiche differenti, ma soprattutto la libertà degli artisti di indicare il prezzo base d’asta delle loro opere. Su questa soggettiva e specifica problematica, infatti, l’intervento della casa d’aste è stato marginale.

Libertà di decisione, senza condizionamenti o elucubrazioni mentali di inventati “critici d’arte”, dagli onorari composti da numeri a molte cifre e dalle critiche positive dettate, solo, dal proprio tornaconto personale.

Il prezzo di un opera d’arte, stabilito direttamente dall’artista, dal suo buon senso, dalla sua ragione ed anche dalla sua passione, può anche coniugarsi con la parola sacrificio, ma non sarà un sacrificio sterile, bensì un investimento sul futuro.

Un appello, che molti criticheranno e tacceranno di demagogia e qualunquismo, ai Maestri d’arte ed agli Insegnanti delle Accademie d’Arte, affinché, anche loro, dall’alto della loro preparazione, sostengano i loro allievi, non solo insegnando i veri fondamentali dell’arte, ma anche indirizzandoli verso i mercati economici, altra faccia della medaglia. Conosciamo molte storie di artisti che nella loro contemporaneità furono considerati mediocri e che, invece, nella loro post-contemporaneità sono stati osannati e celebrati. Sbagliarono i critici d’allora o stiamo sbagliando noi adesso?

Concludo con una promessa: la prossima asta verrà svolta tra la gente, in una piazza d’Italia, come nell’antica Roma, dove si vendevano i beni dei debitori del Tesoro pubblico presso un’asta conficcata in terra (sub asta vendere). Quindi, invito i Signori Amministratori Pubblici Italiani ad attenzionare l’aspetto sociale, culturale, ed economico di tale proposta, che sarebbe una novità assoluta per il mondo dell’arte, solitamente abituato a manifestazioni statiche: fiere, mostre e rassegne, organizzate in spazi chiusi e predefiniti. Un mercato itinerante, un polo d’attrazione in movimento per il pubblico e, perché no, per i mercanti, i collezionisti e gli appassionati d’arte in genere.

L’Aurum, che mi onoro di rappresentare, sarà ben lieta di contribuire, con le proprie password societarie composte da trasparenza e da legalità, alla loro realizzazione. Fatevi avanti.

La porta è finalmente aperta.

scritto da Toni La Spina

* * * * * * * * * * * * * * * *
ARTISTI PARTECIPANTI:
Antonella Affronti, Paola Alviano Glaviano, Tania Anile, Rachele Ascanio, Piero Baiamonte, Paolo Benedetti, Alessandra Benini, Romina Berto, Raffaele Boccia, Liliana Bordoni, Luisa Borin (Gigì), Giuseppe Borrello, Francesco Borzani, Anna Branca, Maria Brunereau, Miky Canzi, Domnica Cervaciuc, Cleide, Antonio Cristalli (Alli), Milena Crupi, Giuseppe Della Volpe, Adele D’Ettorre, Roberta Diazzi, Daniela Domenichini, Manolo Espindel, Anna Maria Fazio (Crystal), Beatrice Feo, Maria Ferrara, Sergio Figuccia, Ester Foglia, Alberto Franco, Freeman, Giovanna Garbuio, Felice Giancaspro, Claudio Giulianelli, Giusi Gramegna, Soha Khalil, Andrea Latina, Luigi Lombardo, Sonia Lovo, Maria Grazia Mancino, Giampiero Mancasi, Fiorella Mancini (Fiorella), Angelo Mazzoleni, Marta Melniczuk, Luca Mentasti, Francesco Messina, Roberto Minera, Sonia Mutti, Clara Nicese, Antonino G. Perticone, Mari Jana Pervan, Alex Preti, Marina Profumo, Massimiliano Robino, Leandro Russo, Jeannette Rütsche (Sperya), Andrea Schiavetti, Ryoma Shirai, Mitzi Simonetti, Alfio Sorbello, Anna Lisa Vaianella e Dino Ventura.
* * * * * * * * * * * * * * * *

Per visionare il catalogo clicca qui.

Per ulteriori informazioni:

openartaurum@gmail.com
teataormina@googlemail.com
infoclienti@aurumaste.com